Sponsored
Sponsored

Certificazione globale per ascensori

Sponsored

Una panoramica globale delle varie normative sugli ascensori

Le ispezioni e le certificazioni degli ascensori vengono eseguite in diversi modi in tutto il mondo. Con la globalizzazione del mercato degli ascensori, sorgono sfide quando i produttori locali vogliono esportare in un'altra parte del mondo. Allo stesso tempo, le autorità locali hanno a che fare con prodotti certificati esteri. Liftinstituut è sia un organismo notificato (NB) per ascensori e macchinari che un organismo di certificazione accreditato per ascensori/scale mobili (AECO). Questa combinazione consente a Liftinstituut di lavorare in tutto il mondo. Per i produttori di ascensori, la conoscenza dei mercati locali e di esportazione è essenziale prima ancora di tentare di rilasciare un prodotto. Se guardiamo alla certificazione, ci sono regolamenti globali per gli organismi di certificazione. Questi standard vengono utilizzati da organismi di accreditamento come l'American National Standards Institute (ANSI), lo Standards Council of Canada (SCC) o altri enti locali per garantire che un'organizzazione di certificazione svolga le proprie attività in modo corretto e indipendente. Questo articolo fornisce una panoramica globale delle varie normative sugli ascensori.

Europa

L'Unione Europea (UE) è iniziata con sei Stati membri e attualmente è composta da 27 Stati membri. Ci sono anche paesi che non sono membri dell'UE ma fanno parte della sua zona di libero scambio, lo Spazio economico europeo (SEE). Pertanto, accettano le normative europee previste dalle direttive. Il SEE comprende Norvegia, Liechtenstein e Islanda. La Svizzera, pur non essendo membro del SEE, ha un accordo simile con l'UE. Anche la Turchia ha una posizione speciale. Per diventare uno stato membro, la Turchia ha implementato le normative europee, come la direttiva sugli ascensori, nelle sue normative nazionali.

Direttiva Ascensori 95/16/CE

La direttiva sugli ascensori 95/16/CE è stata inizialmente concepita per consentire il libero scambio tra i paesi dell'UE. Per ottenere l'accettazione di un prodotto, era necessario definire un livello minimo di sicurezza. La Direttiva Ascensori rientra nella Direttiva Macchine ed è entrata in vigore il 1 luglio 1997, con un periodo di transizione di due anni. È in fase di sviluppo un successore dell'attuale direttiva.

La Direttiva Ascensori descrive il processo per la progettazione e la certificazione degli ascensori e dei componenti di sicurezza. I componenti di sicurezza considerati sono:

  • Dispositivi di blocco delle porte di piano
  • Dispositivi per impedire la caduta dell'auto o movimenti incontrollati verso l'alto (es. paracadute)
  • Dispositivi di limitazione di velocità (es. limitatori di velocità)
  • Ammortizzatori: non lineari, ad accumulo di energia (ad es. tampone in poliuretano) o a dissipazione di energia (ad es. tampone idraulico)
  • Dispositivi di sicurezza montati sui martinetti dei circuiti idraulici di potenza ove questi siano utilizzati come dispositivi di prevenzione delle cadute (es. valvole di blocco)
  • Dispositivi di sicurezza elettrici sotto forma di interruttori di sicurezza contenenti componenti elettronici (ad es. Sistema elettronico programmabile in applicazioni relative alla sicurezza per ascensori)

I requisiti essenziali di sicurezza nella direttiva non sono prescrittivi come una norma. Per conformarsi alla Direttiva Ascensori, è possibile seguire la EN 81-1 o la EN 81-2. Le deviazioni da EN 81-1 o EN 81-2 sono inoltre certificate da un NB. Non sono consentite deviazioni, con un'eccezione. In un edificio esistente, e previa approvazione dello Stato membro, si può derogare al requisito dello spazio libero sulla parte superiore o inferiore del vano corsa.

Per mettere in servizio un ascensore si possono seguire diversi percorsi. Un sistema di qualità completo certificato da un organismo di certificazione può essere utilizzato per progettare, produrre, installare, testare e mettere in servizio ascensori conformi a EN 81-1 o EN 81-2. Inoltre, un ascensore può avere un esame di tipo UE, in cui una gamma completa di ascensori può essere certificata da un NB. L'installazione e la messa in servizio possono essere eseguite da un'azienda con un sistema di garanzia della qualità certificato da un ON, oppure un ON può eseguire un'ispezione finale prima della messa in servizio dell'ascensore. Per le piccole aziende con ascensori su misura, la verifica dell'unità è una soluzione ideale. Durante la verifica dell'unità, il progetto completo dell'ascensore e l'ascensore installato vengono esaminati da un NB.

Per gli impianti di ascensori devono essere seguite molte altre Direttive Europee, la più importante è la Direttiva Macchine 2006/42/CE. Questa direttiva è alla base della Direttiva Ascensori, che rimanda alla Direttiva Macchine per i pericoli non considerati nella Direttiva Ascensori. Altre importanti direttive includono la direttiva sulla bassa tensione 2006/95/CE e la direttiva sulla compatibilità elettromagnetica 2004/108/CE.

EN 81-1 e EN 81-2

EN 81-1 e EN 81-2 sono gli standard europei per gli ascensori. La EN 81-1 è la norma per gli ascensori elettrici o a trazione; La EN 81-2 è la norma per gli ascensori idraulici. Le normative sugli ascensori in Europa sono emerse negli anni '1920 e ogni paese aveva il proprio standard. La prima norma europea e la prima versione della EN 81-1 sono state stabilite nel 1977. L'ultima versione è la EN 81-1:1998+A3:2009. Questo standard comprende design senza locale macchina (MRL) e sistemi di sicurezza elettronici programmabili per ascensori. La norma è stata inoltre allineata alla Direttiva Macchine 2006/42/CE recentemente aggiornata. L'emendamento 3 (A3) è l'ultimo emendamento. La nuova norma per gli ascensori sarà la EN 81-20 e la EN 81-50. La prima bozza è disponibile per revisione e commento. I commenti ricevuti coprono centinaia di pagine e provengono da tutto il mondo. Lo standard dovrebbe essere definitivo intorno al 2014.

NB

Un NB è un'organizzazione nominata dal governo locale e registrata a Bruxelles. Il governo locale (stato membro) stabilisce i requisiti minimi per l'NB. Liftinstituut è stato il primo NB per gli ascensori in Europa. In Germania è richiesto l'accreditamento, anche se questo potrebbe non essere il caso in altri paesi. Molti ON hanno accreditamento volontario. Se la proposta per la nuova Direttiva Ascensori viene accettata e messa in vigore, tutti gli ON necessitano come minimo di accreditamento.

Organismi di ispezione locali

Le ispezioni periodiche e di consegna sono disciplinate dalla legislazione nazionale. Ogni paese ha la propria regolamentazione basata sull'esperienza. Alcuni paesi richiedono ispezioni periodiche annuali, alcuni ogni 18 mesi e altri non hanno tali requisiti.

America del Nord

Dal 2007, gli Stati Uniti e il Canada hanno adottato uno standard per ascensori combinato: ASME A17.1/CSA B44. Prima c'erano differenze tra gli standard A17.1 e B44. La prima versione di A17.1 è stata pubblicata nel 1921 e l'ultima nel 2010. Una bozza pubblica del 2013 è in fase di revisione. Sono possibili deviazioni dallo standard richiedendo una variazione con l'autorità locale. Insieme alla pubblicazione di A17.1/B44, 2007, è stato introdotto un altro standard. A17.7/B44.7 è uno standard che descrive il processo per la certificazione di una deviazione di A17.1/B44. La certificazione viene eseguita da un AECO. Il processo include test, preparazione di una valutazione del rischio, ecc.

A17.7/B44.7 non è accettato ovunque negli Stati Uniti Tuttavia, alcuni AHJ accetteranno il certificato di conformità durante l'applicazione di una variazione con il file tecnico completo.

Ci sono alcune idee sbagliate su A17.7/B44.7. Ad esempio, lo standard non consente l'approvazione 1:1 degli ascensori approvati dalla Direttiva Ascensori/EN 81-1 o EN 81-2. Inoltre, A17.7/CSA B44.7 non copre le deviazioni dai requisiti elettrici (Codice elettrico nazionale or Codice elettrico canadese), requisiti edilizi (ad es. Codice edilizio internazionale, Codice edilizio nazionale e Codice edilizio canadese) e normative antincendio.

AECO

Il termine AECO è stato introdotto in combinazione con quello di A17.7/B44.7. Un AECO è un'organizzazione simile a un NB. Un AECO è accreditato da ANSI e/o SCC ed esegue esami secondo A17.7/B44.7. Attualmente, ci sono tre AECO: Liftinstituut, TÜV SÜD America Inc. e Underwriters Laboratories Inc.

AHJ e autorità di regolamentazione (RA)

Le ispezioni periodiche e le ispezioni di consegna sono regolamentate dalla legislazione locale. Ogni stato e/o città ha le proprie regole. Negli Stati Uniti ci sono circa 130 diversi AHJ. In Canada ci sono 13 RA. Ogni stato/città può avere regolamenti aggiuntivi in ​​aggiunta ai regolamenti esistenti. Non tutti gli stati/città hanno adottato la stessa versione dello standard: alcuni hanno adottato la versione del 2010, mentre altri funzionano ancora con la versione del 1996. In Canada, le autorità hanno adottato l'ultima versione di A17.1/B44. Gli ispettori possono essere dipendenti pubblici o indipendenti. Hanno bisogno della qualifica QEI negli Stati Uniti Per scoprire le normative applicate in ogni stato o città, National Elevator, Industry Inc. (NEII®) ha un database di ricerca del codice a disposizione dei suoi membri.

Laboratorio di prova riconosciuto a livello nazionale (NRTL)

Un NRTL è un laboratorio accreditato dall'OHSA per un campo specifico. Il campo applicabile per gli ascensori è A17.5. ASME A17.5 ha requisiti elettrici specifici per i componenti degli ascensori. Esistono diversi NRTL con accreditamento sul campo A17.5. Esempi sono la Canadian Standards Association (CSA) e Intertek Testing Services NA.

Russia

La Federazione Russa ha il proprio standard per gli ascensori. Precedentemente noto come standard Pübel, la versione attuale è il GOST R. Il contenuto del codice GOST R è simile a quello della EN 81-1-2. Per i componenti di sicurezza è necessario ottenere le approvazioni locali. L'approvazione locale può essere ottenuta da un Ente di Certificazione o Centro di Prova (Ente di Certificazione più Ente di Prova). Le organizzazioni di certificazione sono supervisionate e autorizzate da Rostekhnadzor, un'agenzia governativa.

JP

I requisiti di sicurezza per gli ascensori fanno parte dei regolamenti edilizi del Giappone. Nel 1950 fu istituita la Building Standard Law of Japan (BSLJ). Negli anni successivi sono stati realizzati ulteriori standard: JIS A 4301: dimensioni delle auto e modalità di sollevamento degli ascensori in 1957 e JIS A 4302: Standard di ispezione in 1964.

Nel 2000, il BSLJ è stato modificato per imporre codici basati sulle prestazioni per le applicazioni MRL. Nel 2009, i requisiti per il rilevamento di movimenti incontrollati e il requisito per un doppio freno sono stati implementati nell'emendamento di BSLJ-Enforcement Orders and Notice. L'ultimo sviluppo è la redazione di un nuovo documento "2011/2/16 TS A 0028-1", che si basa sulla EN 81 e sulle leggi edilizie giapponesi.

Cina

La Cina è il più grande mercato di ascensori al mondo e ha un codice simile a EN 81. Il codice GB/T 10058 è stato convertito da una versione precedente di EN 81-1 ed è attualmente in fase di revisione. Tutti i componenti di sicurezza devono essere testati da laboratori locali. Sono in fase di sviluppo ispezioni periodiche per gli ascensori e attualmente ci sono requisiti solo per gli edifici pubblici.

India

L'India è il secondo mercato di ascensori più grande al mondo. Inizialmente, gli ascensori importati potevano essere conformi agli standard dei produttori. Pertanto, gli standard variavano dagli standard europei a quelli americani e giapponesi. Il primo standard indiano (IS) per gli ascensori è stato l'IS 3534, stabilito nel 1979. Nel 2000, l'IS 14665 è succeduto all'IS 3534. Nel 2007 è stato introdotto l'IS 15785, che descrive gli ascensori MRL. Attualmente, il comitato IS sta lavorando a un nuovo standard, che si conformerà maggiormente all'attuale versione della EN 81.

Certificazione globale

L'armonizzazione globale di tutti gli standard esistenti per gli ascensori è quasi impossibile, anche se la maggior parte degli standard per gli ascensori si basa sulla EN 81-1. Con la globalizzazione del mercato è necessaria una migliore comprensione delle differenze tra gli standard. International Standards Organization Technical Committee 178 su ascensori, scale mobili e tappeti mobili ha creato un documento in cui EN 81-1 e EN 81-2, A17.1, Japanese Industrial Standard (JIS) e AS 1735-1 e AS 1735-2 australiani sono confrontati. Lo standard russo non è stato incluso a causa dei grandi cambiamenti nel governo e nelle normative sugli ascensori al momento della preparazione. Questo documento di confronto è stato realizzato sia per ascensori di trazione (ISO/TR 11071-1:2004) che idraulici (ISO/TR 11071-2:2006).

Con il documento, le persone di tutto il mondo sono in grado di confrontare e giustificare soluzioni di altri standard. La serie ISO/TS 22559 è stata realizzata per definire un livello globale comune di sicurezza per gli ascensori. Gli obiettivi aggiuntivi sono facilitare l'innovazione degli ascensori e aiutare a rimuovere le barriere commerciali. Ci sono quattro parti a partire da agosto:

  • ISO/TS 22559-1: Requisiti di sicurezza essenziali globali (GESR)
  • ISO/TS 22559-2: Parametri di sicurezza globali
  • ISO/TS 22559-3: Procedure di valutazione della conformità globale (GCAP) - Prerequisiti per la certificazione di conformità
  • ISO/TS 22559-4: GCAP – Requisiti di certificazione e accreditamento

ISO/TS 22559-1 descrive i GESR, che possono essere confrontati con i requisiti essenziali di salute e sicurezza dell'Allegato I della Direttiva Ascensori e i GESR di A17.7/B44.7. I GESR includono requisiti per garantire la sicurezza degli utenti e dei non utenti dell'ascensore. Ad esempio, richiede una misura per evitare che l'auto cada quando viene persa la sospensione.

ISO/TS22559-2 descrive i parametri di sicurezza, che sono requisiti più prescrittivi e possono essere collegati ai requisiti in A17.1/B44 e EN 81-1 o EN 81-2. ISO/TS22559-3 descrive il processo di certificazione, compresi i documenti necessari e le attività da eseguire per ottenere un certificato di conformità. Il certificato di conformità è paragonabile a un certificato di esame UE del tipo secondo la Direttiva Ascensori oa un certificato di conformità secondo A17.7/B44.7.

L'ultima parte, ISO/TS 22559-4, descrive i requisiti per un Global Conformity Assessment Body (GCAB), che è l'equivalente globale di un NB o di un AECO. Al momento non ci sono GCAB. Liftinstituut richiederà un GCAB, quando possibile. Tuttavia, ci sono ulteriori ostacoli per i produttori di ascensori. Uno standard globale per gli ascensori non risolve tutti i problemi e molte normative locali devono essere seguite. La presente proposta non tiene conto delle normative edilizie, elettriche e antincendio. Anche all'interno dell'Europa esistono ancora differenze tra gli Stati membri. Ad esempio, l'altezza minima della porta di piano è di 2,000 mm nella norma EN 81-1, mentre nei Paesi Bassi e in altri paesi del nord Europa, le norme edilizie richiedono un'altezza minima della porta di 2,100 mm. Sebbene i lavori siano iniziati e si stiano facendo progressi, la vera conformità globale rimane molto lontana.

Tag correlati
Sponsored
Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina ottobre 2012

flipbook

Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina ottobre 2012

flipbook

Sponsored