Sponsored
Sponsored

La mia flotta di navi

Sponsored
William Storione

Poche persone che si sono ritirate dal settore degli ascensori possono affermare di avere una flotta di velieri. Posso, e li ho creati nel corso degli anni. La mia flotta è iniziata quando mia figlia maggiore ha deciso che avevo tempo a disposizione. Non avevo molto interesse a guardare la TV e avevo bisogno di qualcosa da fare. Mi ha regalato un kit di un modellino di veliero, Phantom, una goletta usata come pilota nel porto di New York nel 1800. Il risultato risiede nel suo soggiorno nel Rhode Island ed è stato l'inizio di un fascino che mi avrebbe tenuto impegnato per i successivi 20 anni.

Quel modello mi ha ispirato a provarne un altro e, lavorando all'epoca con Elevator World, Inc., mi ha portato a un modello di un battello fluviale, che ho deciso di fare come regalo per William C. Sturgeon, il mio capo, poiché era ricorda i piroscafi a ruota a pale che viaggiavano a Mobile Bay negli anni '1870 dell'Ottocento. Il risultato, giustamente chiamato William Sturgeon, risiede attualmente negli uffici di Elevator World a Mobile, in Alabama. È stata un'avventura portarlo su un aereo da Long Island, New York, a Mobile per essere un regalo di Natale. Devo aver impressionato Sturgeon, perché, un mese o due dopo, mi ha inviato un enorme kit del battello fluviale Robert E. Lee. Mi ci è voluto più di un anno e, probabilmente, 300 ore. finire. Attualmente adorna il soggiorno della mia terza figlia in Pennsylvania.

Non potevo trascurare la mia seconda figlia, così ha preso un modello di una goletta coloniale, The Swift, che ora è nella sua home nel Rhode Island. Il progetto successivo è stato il brigantino francese The Toulonaisse, destinato alla mia quarta figlia, che lo riceverà quando avrà spazio. (Il suo piccolo appartamento a Brooklyn, New York, non è in grado di ospitarlo.)

Dipendente, ho ordinato un kit di un modello dell'ammiraglia del Capitano James Cook, HMS Endeavour, che è grande. Più di 40 pollici di lunghezza e 36 pollici di altezza, è stata una sfida e abbastanza intricata da essere totalmente assorbente. Il solo sartiame ha richiesto ore infinite e ha coinvolto, stimo, circa un migliaio di nodi. Accanto al piccolo modello originale di Phantom, e di nuovo nel soggiorno di mia figlia maggiore, è enorme. È interessante notare che la replica di Endeavour a grandezza naturale si trovava a New York City e ho avuto la fortuna di essere una guida volontaria durante la sua visita, il che mi ha dato l'opportunità di confrontare il mio modello con quello reale. A parte alcuni dettagli, il modello era molto accurato.

Poiché le mie dita erano ancora abbastanza agili e poiché una delle ragazze aveva due modelli, ho promesso di fornirne uno in più alle altre. Il progetto successivo è stato il Mayflower, designato per la mia seconda figlia nel Rhode Island. Era giusto, dal momento che ora era una cittadina del New England, e vicino al suo storico luogo di atterraggio a Plymouth, nel Massachusetts. Non potevo trascurare la ragazza numero tre, quindi il lavoro successivo è stato lo yacht a vela America, che ha vinto il trofeo internazionale di vela America's Cup per gli Stati Uniti nel 1851. Attualmente è in Pennsylvania.

Il totale delle navi finite è ora otto e me ne serve un'altra per completare la flotta e mantenere la mia promessa. Per il finale ho scelto l'SS Sirius, il primo piroscafo a ruote a pale ad attraversare l'Atlantico, sebbene utilizzasse principalmente la vela. Fu una svolta storica all'epoca e fu seguita dalla SS Savannah, che fece la traversata totalmente a vapore. Quel modello mi sta impiegando molto tempo, dal momento che il sartiame è diventato più difficile e ho bisogno di una pinzetta per aiutarmi a fare i nodi. Lo farò, però, e posso giustamente assumere il ruolo di "commodore" della mia flotta. Amo ancora costruire cose e, dato che fare i nodi è diventato difficile, ho cercato altre imprese. A uno spettacolo locale di modellini di treni, mi sono appassionato alla ferrovia in scala N. Mi sto divertendo molto a costruire la mia ferrovia, a finire la mia nave e a far funzionare i miei treni. Le mie figlie non devono preoccuparsi che io abbia qualcosa da fare - non solo l'ho scoperto, ma anche che non ci sono abbastanza ore in un giorno.

Tag correlati
Sponsored
Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina novembre 2012

flipbook

Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina novembre 2012

flipbook

Sponsored