Sponsored
Sponsored

Ricerca di funi e prodotti per applicazioni di ascensori

Sponsored
Figura 1: Drako KP067-1 (esempio: D/g < 40)

Vengono esaminate funi e pulegge in acciaio.

dal Dott.-Ing. Wolfram Vogel e Lothar Sieber

Le funi metalliche hanno un'interfaccia importante negli ascensori a fune. Le funi influenzano il dimensionamento dell'azionamento a fune, nonché i costi, l'efficienza energetica, lo spazio del vano utilizzato, la produzione, l'installazione, i diametri e la manutenzione. Diametri di fune più piccoli diminuiscono i diametri delle pulegge di trazione e di rinvio. L'uso di funi di acciaio con un diametro (d) inferiore a 8 mm e un rapporto tra il diametro della puleggia e la fune (D/d) inferiore a 40 consentirà nuove possibilità nella costruzione di ascensori. Le funi in acciaio ricoperte da materiali con coefficienti di attrito più elevati riducono l'angolo di avvolgimento della puleggia di trazione e aiutano a prevenire solchi di trazione taglienti. Le terminazioni piatte e sottili per funi in acciaio hanno il vantaggio di una maggiore durata, evitando angoli di inclinazione sulle pulegge. Inoltre, è necessario migliorare il metodo di calcolo del numero previsto di viaggi, in particolare per i percorsi avventura complessi nel sistema di ascensori. I certificati rilasciati da Organismi Notificati sono necessari per dimostrare l'idoneità di nuovi prodotti negli ascensori.

Piccole corde, piccoli covoni

Uno dei primi passi nello sviluppo di azionamenti a fune più piccoli negli ascensori elettrici è stata la riduzione del diametro della fune a meno di 8 mm, come richiesto dalla EN 81-1. Con un D/d costante, il diametro della puleggia è diminuito significativamente. Con un D/d inferiore a 40 (ad es. nel certificato di esame KP067-1),[4] è possibile un rapporto D/d = 25 e un diametro della puleggia D = 150 mm con il Drako 6T da 250 mm. Un D/d = 24.6 consentito riduce il diametro della puleggia a D = 160 mm per la fune da 6.5 ​​mm nella stessa costruzione.

Il certificato KP067-1[4] si basa su test di flessione della durata, statistiche e un calcolo della durata approvato[1] coperto dal calcolo tradizionale della capacità di trazione per scanalature a V e scanalature semicircolari con sottosquadro. I risultati sono grafici decisionali (Figura 1) per il numero di viaggi calcolato e previsto. La sequenza di piegatura è una piegatura sulla puleggia di trazione e due piegature sulle pulegge di deviazione. Dopo il calcolo della capacità di trazione, un produttore di ascensori dovrebbe decidere i parametri D/d delle pulegge di trazione e di rinvio e il fattore di sicurezza. Il numero calcolato di viaggi dal KP067-1,[4] rispecchiato con la frequenza di viaggio prevista, porterà alla durata della fune. I grafici di decisione sono validi per pulegge di rinvio in acciaio e plastica negli ascensori a trazione e idraulici.

Calcolo della durata

Influenzato da piegature inverse

I calcoli della durata della fune utilizzati per il certificato Drako KP067-1 [4] hanno rispettato solo le piegature nella stessa direzione. Quando si utilizzano piegature inverse (Figura 2), la loro influenza sulla durata della fune è spesso sottovalutata. Un calcolo della vita utile deve tenere conto della sequenza di piegatura nella sezione della fune, che è soggetta al livello di sollecitazione maggiore. Una volta nota la sequenza e gli elementi di piegatura, è possibile attribuire le influenze della piegatura inversa e della scanalatura sagomata. Un numero di cicli di piegatura deve essere calcolato per ogni elemento di piegatura e confrontato con il numero di viaggi utilizzando l'ipotesi di accumulo del danno proposta dalla Palmgren-Miner Rule. Quando si utilizza questo modello di elemento di flessione, è necessario prestare attenzione a non rappresentare sotto o sopra l'influenza della flessione inversa o della scanalatura sagomata, che esercitano entrambi un impatto estremo sulla durata della fune. Ulteriori certificazioni riguarderanno anche questo tipo di piegatura.

Corda Ricoperta Di Plastica

KP067-1[4] copre la fune d'acciaio D250T in 6 mm, 6.5 mm e 8 mm per D/d ≥ 24.6 e, in linea di massima, coefficienti di sicurezza aperti. Tuttavia, l'influenza del prodotto sulla durata della fune ne risentirà. Usa le cifre fornite qui per avere un'idea di cosa aspettarti. KP067-1[4] riguarda le funi metalliche con coefficienti di attrito acciaio/acciaio limitati. Per aumentare l'attrito, è utile utilizzare una copertura di plastica. I vantaggi di questo includono una lunga durata causata da pressione ridotta, scanalature arrotondate, funzionamento silenzioso e angolo di avvolgimento ridotto. La corda rivestita in plastica PTX300 è certificata in KP195[5] con istruzioni dettagliate e criteri di scarto.

Terminazione della fune: presa a T

La presa a T mostrata in Figura 4 illustra una terminazione brevettata, che consente un'installazione delle funi. Ciò è particolarmente importante per le piccole funi senza angoli di inclinazione,[3] poiché la durata non è disturbata da ulteriori sollecitazioni e movimenti della fune. Ulteriori misure come viti e molle aiutano a equalizzare le forze della fune.

Conclusione

La fune d'acciaio è un elemento costruttivo interessante degli ascensori a fune e copre l'installazione, la manutenzione, i requisiti di sicurezza, la capacità di trazione e gli aspetti di comfort. È importante e richiede una conoscenza approfondita di ciò che accade dopo aver variato anche solo un parametro. Certificati basati su ricerche scientifiche aiuteranno ad utilizzare le funi, anche in trattamenti gravosi, in modo sicuro.

Referenze
[1] Feyrer, K. (2002). Drahtseile. Springer Verlag Berlino.
[2] Vogel, W. "L'impatto delle flessioni inverse nelle trasmissioni a fune degli ascensori a trazione". Rapporto sugli ascensori 36 (2010) 2, pag. 14-16.
[3] Vogel, W. & Scheunemann, W. "Sicurezza e affidabilità delle terminazioni delle funi negli ascensori a trazione Geplant". Rapporto sugli ascensori 37 (2011) 6.
[4] “Certificato relativo all'esame di conformità KP067-1 – Azionamento a fune da utilizzare come parte della macchina per ascensori a trazione Resp. Ascensori idraulici ad azione indiretta con e senza numero ridotto di corse.” Pfeifer Drako/TÜV SÜD 2011.
[5] "Certificato relativo all'esame di conformità KP195 - Azionamenti a fune con una fune con rivestimento in plastica per l'uso come parte dell'azionamento per ascensori a trazione tipo Drako PTX300." TÜV SUD 2012.
Tag correlati
Sponsored
Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina di luglio 2012

flipbook

Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina di luglio 2012

flipbook

Sponsored