Sponsored
Sponsored

Quartiere ThyssenKrupp a Essen

Sponsored

Il complesso della sede centrale di ThyssenKrupp a Essen, in Germania, comprende 21 ascensori e tre scale mobili.

Considerato un simbolo e il cuore dell'azienda, il ThyssenKrupp Quarter di Essen, in Germania, è stato inaugurato nel 2010. Dimostra il cambiamento strutturale e il rinnovamento economico dell'area, perché in precedenza il sito era stato un buco nel tessuto urbano del centro di Essen per decenni. L'architettura è stata disegnata dagli studi JSWD di Colonia, in Germania, e Chaix & Morel el Associés di Parigi, con l'obiettivo di un design moderno di creare un quartiere dall'architettura trasparente e omogenea.

Al centro dell'area simile a un campus si trova il Q50 a forma di cubo alto 1 m. Il progetto è composto da diversi volumi interconnessi ad angolo attorno a un grande atrio centrale. L'intercapedine che si estende fino al tetto in vetro ha 700 1 m2 vetrate che creano una transizione fluida tra l'interno e l'esterno. I suoi ponti a sbalzo e i soppalchi sfruttano contemporaneamente lo spazio interno. L'edificio Q2 ospita le sale conferenze dell'azienda, in grado di ospitare 1,000 persone, una caffetteria, un ristorante per i visitatori e la "Sala della tranquillità". Inoltre, il quartiere dispone di edifici Q5 e Q7, che offrono spazio per 520 dipendenti, oltre alle case Q2,000 di 1 dipendenti.

Costruito nel rispetto di rigidi requisiti di utilizzo delle risorse e sostenibilità ambientale, il Quartiere è pedonale. Un parcheggio sotterraneo permette di consegnare e ritirare vettovaglie e rifiuti senza essere visti. Il Quartiere si impegna in ulteriori pratiche sostenibili. Nel 2011, l'Associazione tedesca per l'edilizia sostenibile ha conferito a ThyssenKrupp AG il suo certificato d'oro per la costruzione ecologica ed economica della sede dell'azienda.

Trasporto verticale

L'attrezzatura ThyssenKrupp Elevator è stata installata in tutto il sito e comprende 21 ascensori e tre scale mobili. Nel primo trimestre sono stati installati i sistemi TWIN di ThyssenKrupp Elevator. Un sistema TWIN opera nel suo vano sul lato ovest e sul lato est ci sono due cabine dell'ascensore senza vano. Accanto a loro si trova un singolo ascensore dello stesso design. Il design degli ascensori dà l'impressione di fluttuare mentre scivolano sullo sfondo di una facciata in acciaio inossidabile. Per implementare la visione futuristica degli architetti, le cabine dell'ascensore sono state rivestite dentro e fuori da una moltitudine di pannelli di vetro bianco quasi senza soluzione di continuità.

Il rivestimento interno è composto da un vetro di sicurezza monostrato dotato di verniciatura a polvere sulla superficie posteriore. I pannelli di vetro sono di vetro a specchio semitrasparente. Per gli indicatori di posizione degli ascensori è stato utilizzato un display simile a quello di un taxi. I numeri e le indicazioni sul display di controllo appaiono attraverso i pannelli di vetro e danno l'impressione di una proiezione. Anche il pavimento e il soffitto delle cabine dell'ascensore sono in vetro, con un sistema di retroilluminazione a LED in tre parti installato dietro di loro. Il concetto di vetro bianco include imbracature per auto e tutti gli altri componenti dell'abitacolo. Il rivestimento esterno in vetro ha rappresentato una sfida. Poiché una superficie verniciata a polvere non può essere incollata (almeno, non all'esterno di una cabina dell'ascensore senza un vano circostante), è stato necessario utilizzare uno strato di smalto durante il montaggio per garantire la resistenza della struttura di supporto.

Le cabine degli ascensori galleggianti non erano l'unica visione progettuale degli architetti. Comprendeva anche la progettazione delle cabine degli ascensori senza tecnologia visibile che scivolassero su e giù lungo il muro senza mezzi di propulsione visibili. Ciò significava eliminare il dispositivo di chiusura altrimenti standard con una camma di azionamento della porta. Tuttavia, eliminarli semplicemente non era un'opzione, dal momento che la cabina dell'ascensore non deve aprirsi per trasportare i passeggeri. La soluzione prevedeva lo scambio della porta di piano al piano terra con la porta di cabina sul lato posteriore. Il risultato è stato un sistema TWIN dotato di una sola porta di piano motorizzata. Fu prodotta e assemblata una serie limitata di porte di cabina e di piano. Anche per nascondere l'azione del meccanismo, le parti corrispondenti erano racchiuse in piastre di acciaio inossidabile.

Gli ascensori di Q1 erano dotati di un sistema di conteggio persone progettato da Siemens AG. Questo fungeva da sistema di controllo degli accessi ed è integrato negli ascensori. Solo gli utenti autorizzati possono aprire le porte chiuse e accedere al parcheggio sotterraneo e agli ascensori. La tecnologia di identificazione a radiofrequenza è stata utilizzata per la comunicazione nelle cabine degli ascensori e il sistema di identificazione riconosce solo gli utenti autorizzati. Solo allora viene abilitato un comando precedentemente immesso per mettere in movimento l'ascensore. Inoltre, i sistemi TWIN senza albero e i singoli ascensori passeggeri sono stati raggruppati mediante il controllo di selezione della destinazione.

Con un peso totale di oltre 5 mT e un carico nominale di 1350 kg per cabina dell'ascensore, le cabine viaggiano a 2.5 mps e coprono un'altezza massima di viaggio di 45.7 m. Il solaio della sala macchine è realizzato a “solaio a sbalzo” e deve poter sopportare un carico statico superiore a 40 mT. Il vano a vista è rivestito in acciaio inox dal piano terra al 10° piano.

Ulteriore caratteristica è la fermata interrata prevista per il sistema TWIN al terzo piano interrato, anche se Q1 ha due piani interrati. Per consentire alla cabina dell'ascensore superiore di servire anche la fermata più bassa, la cabina dell'ascensore inferiore del sistema TWIN deve essere spostata nella fermata interrata. Questo per garantire che tutte e tre le cabine dell'ascensore possano trasportare i dipendenti nei loro uffici durante le ore di punta.

I progettisti hanno anche considerato l'efficienza energetica. Nel sistema TWIN, l'energia prodotta durante la frenata della cabina dell'ascensore viene convertita in energia elettrica e reimmessa nella rete elettrica. Molti dei sistemi sono dotati di lampade a LED e quasi tutte le cabine degli ascensori sono dotate di un sistema di pulegge lisce. Di conseguenza, non erano necessarie guide lubrificate.

Tag correlati
Sponsored
Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina novembre 2012

flipbook

Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina novembre 2012

flipbook

Sponsored