Sponsored
Sponsored

Vincent Della Valle su come Otis gestisce le sue operazioni globali

Sponsored

Il vicepresidente senior dei processi, delle strategie e dei piani di gestione delle operazioni e di Otis

Nel 1925 Franz Kafka pubblicò la sua famosa opera, Il Processo. Il libro descriveva un professionista di successo arrestato e perseguito da un'agenzia governativa inaccessibile e distaccata, per un crimine a lui completamente sconosciuto. Mentre si svolge la farsa della sua accusa, né l'uomo né il lettore vengono a conoscenza della natura del presunto crimine. Nel mondo di Kafka, l'intero processo assurdo sopportato dall'uomo illustra che la "legge" non ha nulla a che fare con alcun concetto di "giustizia". Invece, in Il processo, la legge sembra non essere altro che la forza bruta del governo che viene esercitata contro un uomo indifeso e confuso: una burocrazia impenetrabile che definisce arbitrariamente la legge e, senza alcuna spiegazione o preavviso, la usa per inghiottire e distruggere un individuo.

Per gran parte della storia degli Stati Uniti, un simile concetto di legge è apparso ridicolo. In effetti, il termine "kafkiano" è stato coniato per descrivere qualcosa di illogico o insensato, come gli eventi accaduti allo sfortunato in Il Processo. Pochi crederebbero che una simile parodia della giustizia non possa mai accadere nel paese. Dopotutto, i padri fondatori dell'America fondarono l'intero sistema di governo del paese sul concetto di “diritti inalienabili” fondati sulla legge naturale – leggi né create né dipendenti dall'uomo, ma universali ed emanate da un creatore supremo.

Preoccupato che persone selezionate si mettessero al di sopra della legge, o la applicassero arbitrariamente o a proprio vantaggio, John Adams scrisse che la repubblica doveva essere un "governo di leggi, non di uomini" (Costituzione del Massachusetts, 1780). Per garantire ciò, la Costituzione degli Stati Uniti limitava il potere del governo federale e istituiva cose come la Camera dei rappresentanti e il Senato al Congresso e la separazione dei poteri tra il presidente, il Congresso e i tribunali. Questi controlli e contrappesi avevano lo scopo di impedire ai gruppi di utilizzare o abusare delle leggi per opprimere l'individuo. In breve, i padri fondatori stavano cercando di evitare il tipo di sistema legale descritto da Kafka in Il Processo.

Sfortunatamente, è sorprendente come concetti ritenuti impossibili o fantastici nella letteratura 100 anni fa siano diventati realtà. Dal sottomarino elettrico giramondo di Jules Verne in 20,000 leghe sotto i mari (1870) alla guerra biologica di HG Wells' La guerra dei mondi (1898), il progresso della civiltà, nel bene e nel male, ha costantemente trasformato la fantasia in realtà. Ed è così che, ogni giorno negli Stati Uniti, i governi statali e federali trattano sempre più individui e imprese come il personaggio centrale povero e confuso di Il Processo. Dall'applicazione selettiva delle leggi all'applicazione arbitraria e all'interpretazione delle stesse, il governo invia sempre più il messaggio che i gruppi favoriti prospereranno secondo la legge, mentre i gruppi sfavoriti ne soffriranno.

Il filosofo Ayn ​​Rand una volta disperava che si avvicinasse il momento in cui gli Stati Uniti raggiungessero "l'ultima inversione: la fase in cui il governo è libero di fare tutto ciò che vuole, mentre i cittadini possono agire solo con il permesso". Quel tempo, sicuramente, è alle nostre spalle. Per dimostrarlo, nel 2009, l'avvocato Harvey Silverglate ha pubblicato Tre crimini al giorno: come i federali prendono di mira gli innocenti. Lì, Silverglate ha descritto in modo agghiacciante un paese in cui la persona media si sveglia, va al lavoro, viene home e va a letto, del tutto ignaro che probabilmente ha commesso più reati federali quel giorno. Dato che alle agenzie federali è stata data carta bianca per approvare innumerevoli leggi, con un linguaggio incredibilmente ampio e vago, un pubblico ministero federale può incriminare qualsiasi cittadino in qualsiasi momento per comportamento del tutto ordinario. Dopotutto, l'ignoranza della legge non è una scusa. Nessuno è in grado di conoscere tutte le leggi federali esistenti in qualsiasi momento, per non parlare degli innumerevoli statuti, regolamenti e ordinanze statali e locali. Questa è una conoscenza utile quando particolari gruppi o individui vengono sfavoriti dalle persone che gestiscono il governo.

Questo potere illimitato non è limitato a tali agenzie federali di alto profilo come il Dipartimento di Giustizia o il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. L'OSHA, così come le sue controparti negli stati a piano statale, è ben consapevole del suo potere di premiare i costituenti favoriti e punire i datori di lavoro ei gruppi sfavoriti. Prendi il servizio postale degli Stati Uniti (USPS), ad esempio. Una ricerca nel database OSHA utilizzando il termine "postale" mostra che, da gennaio 2009 ad agosto 2012, si sono verificate almeno 800 ispezioni dell'USPS. E quelle sono solo ispezioni considerate "chiuse". Più di 143 risultati vengono restituiti per le ispezioni ancora classificate come "aperte". Anche supponendo che si presentino alcuni stabilimenti che non sono USPS ma che hanno la parola "postale" nel loro nome, si tratta di quasi 1,000 ispezioni in circa 3-1/2 anni.

Come è possibile che uno stabilimento venga colpito così tante volte in un periodo così breve? La risposta è semplice: in modo schiacciante, il database OSHA mostra di aver ispezionato ripetutamente l'USPS a causa di denunce presentate dal sindacato dei lavoratori delle poste. Pertanto, nonostante il fatto che l'USPS sia insolvente e stia lottando per sopravvivere, il sindacato dei suoi dipendenti ha usato l'OSHA per colpirlo con ispezioni che negli ultimi anni hanno comportato multe per milioni di dollari USA. Piuttosto che vedere ulteriori motivazioni nei quasi 1,000 reclami presentati dal sindacato e rispondere di conseguenza a tali reclami (che può comportare una richiesta di lettera al datore di lavoro, ad esempio, invece di una visita in loco in piena regola), l'OSHA continua ostinatamente a perseguire USPS, trovare violazioni ed emettere multe salate. Coincidenza? Difficilmente. L'attuale OSHA, per non parlare del Dipartimento del Lavoro (DOL), la leadership ha profondi legami con il lavoro organizzato, rendendo i sindacati uno dei "gruppi preferiti" dell'OSHA e del DOL.

Inoltre, l'OSHA tenta spesso di applicare leggi scritte in modo vago o generico per richiedere un comportamento che il linguaggio semplice delle sue normative non richiede e, in molti casi, le aziende non avrebbero richiesto alcun preavviso. Un modo per farlo è attraverso la sezione 5(a)(1) della legge, nota come General Duty Clause. Quella sezione è la "disposizione generale" della legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro, intesa a coprire le condizioni di lavoro che sono, o dovrebbero essere, note come pericolose ma che non rientrano in una normativa specifica. Dice che "[o]gni datore di lavoro deve fornire a ciascuno dei suoi dipendenti un posto di lavoro e un luogo di lavoro privi di rischi riconosciuti che causano o possono causare la morte o gravi danni fisici ai suoi dipendenti". Di recente, tuttavia, l'OSHA ha usato quella sezione in modo molto più aggressivo, usandola per giustificare citazioni ai datori di lavoro per atti che vanno dalla violenza sul posto di lavoro causata da non dipendenti alle lesioni causate da un'orca nei parchi di divertimento iconici alle fuggi fuggi di clienti indisciplinati che cercano di approfittare di una vendita del Black Friday. Il fatto che milioni di bambini potrebbero non essere più in grado di divertirsi con i trucchi avvincenti dei bellissimi mammiferi marini al parco marino o essere in grado di ottenere una console per videogiochi per Natale altrimenti insostenibile significa poco per l'agenzia governativa che decide la General Duty Clause proibisce le attività che rendono possibili queste cose.

L'industria degli ascensori non è stata immune dai tentativi dell'OSHA di imporre leggi vaghe e generalmente scritte per richiedere misure mai contemplate prima. Gli standard per le pratiche di lavoro in sicurezza elettrica, come quelli al 29 CFR 1910.335, non dicono nulla sul tipo di dispositivi di protezione individuale necessari, a parte il fatto che sarebbero "appropriati" per il lavoro svolto. Tuttavia, l'OSHA ha citato diverse società di manutenzione degli ascensori per non aver seguito le disposizioni esplicite di uno standard industriale non vincolante e volontario chiamato NFPA 70E. L'attuale requisito legale contenuto in 1910.335 non dice nulla sul seguire NFPA 70E. Indipendentemente da ciò, l'OSHA ha insistito sul fatto che seguire lo standard volontario non vincolante è, effettivamente, l'unico modo per conformarsi alle sue leggi.

La sorveglianza delle apparecchiature nelle sale macchine è un'altra area che OSHA sta cercando sempre più di usurpare. Le giurisdizioni locali hanno normative estese comprese, ad esempio, dalle versioni di ANSI A17.1 o A17.2 che hanno adottato che disciplinano i requisiti di protezione sulle apparecchiature degli ascensori nelle sale macchine. Nonostante ciò, l'OSHA ha ripetutamente tentato di utilizzare i suoi standard di protezione delle macchine formulati in modo molto generico (come 29 CFR 1910.219) per richiedere protezioni sulle apparecchiature della sala macchine, anche quando non sono richieste dai codici degli ascensori che si applicano a tali apparecchiature. L'OSHA ha anche tentato di utilizzare la General Duty Clause per richiedere protezioni su apparecchiature come le macchine di trasmissione più vecchie. Senza dover seguire nessuna delle procedure progettate per garantire che i proprietari degli edifici e le società di servizi di ascensori abbiano la possibilità di fornire input nel processo, come farebbero le agenzie locali incaricate di ispezionare gli ascensori, l'OSHA creerebbe o renderebbe retroattivi requisiti di protezione nella macchina camere. Il fatto che questo uso di leggi generalmente formulate, se dovesse essere accettato, imporrebbe costi di milioni di dollari USA ai proprietari di edifici a livello nazionale non è di interesse per l'OSHA. L'OSHA deve prendere in considerazione una cosa del genere solo quando si impegna effettivamente nel processo di regolamentazione, che è il modo corretto per imporre nuovi requisiti normativi.

Sfortunatamente, le leggi e l'attuale modo in cui il governo le fa rispettare hanno chiaramente dimostrato che Kafka è un realista. Come ha detto Ayn ​​Rand:

“L'unico potere che ogni governo ha è il potere di reprimere i criminali. Ebbene, quando non ci sono abbastanza criminali, uno li fa. Si dichiarano così tante cose un crimine che diventa impossibile per gli uomini vivere senza infrangere le leggi. . . approvare il tipo di leggi che non possono essere né osservate né applicate né obiettivamente interpretate, e crei una nazione di trasgressori”.

La buona notizia è che il crescente uso della legge da parte del governo in modi sia selettivi che arbitrari non è passato inosservato alle persone regolate da quelle leggi. Più le persone si rendono conto dell'abuso della legge da parte del loro governo, più è probabile che pongano nuovamente dei limiti al potere degli abusatori.

Tag correlati
Sponsored
Sponsored

Senior Associate Editor di Elevator World

Mondo Ascensore | Copertina ottobre 2012

flipbook

Sponsored

Mondo Ascensore | Copertina ottobre 2012

flipbook

Sponsored