Sponsored
Sponsored
La questione-gente-2022

Indipendentemente dalla posizione fisica o dal fatto che lavorino in ufficio o sul campo, con numeri, parole o entrambi, i 14 professionisti del settore dei trasporti verticali (VT) selezionati per People Issue di quest'anno hanno diversi tratti in comune. Senza eccezioni, sono leader: studenti per tutta la vita e insegnanti pieni di intelligenza e determinazione che sono appassionati del settore VT. Più di un terzo (sei) sono donne che vanno da imprenditrici/fondatrici di aziende a esperte di codice/consulenti a professionisti delle vendite e delle risorse umane. Alcuni provengono da famiglie di ascensori multigenerazionali e altri no. Molti provenivano da carriere al di fuori del settore VT, ma una volta entrati a farne parte, non si poteva tornare indietro. I nostri premiati provengono da tutto il Nord America e oltre. Due - un uomo e una donna che sovrintendono ciascuno ai propri dipartimenti - provengono da un'azienda a Salisbury, nel Maryland.

Come sempre, diversi professionisti VT riconosciuti fanno di un hotspot indiscusso del settore VT - l'area metropolitana di New York - home base. Abbiamo anche premiati da Boston; Città del Messico; Miami; Moline, Illinois; Farmington, Connecticut; Taiwan e Mississauga, Canada.

Farmington potrebbe averti intuito che almeno uno dei nostri premiati proviene da un maggiore - Otis, per l'esattezza. Qui sono descritti due dipendenti dell'OEM, uno con sede a Taiwan e l'altro presso la sede dell'azienda a Farmington, sebbene sia originario dell'India ed è cresciuto in un villaggio di 300 capanne. Quella persona è un esperto IT (oltre che un inventore con 22 brevetti) che ha svolto un ruolo chiave nello sviluppo della tecnologia Otis utilizzata in tutto il mondo. Ha fatto molta strada da quel piccolo villaggio dove l'agricoltura era uno stile di vita.

Oltre a risultati straordinari nonostante le difficoltà a volte difficili, i nostri premiati a volte presentano sorprese, come l'amministratore delegato di una delle società di ascensori indipendenti in più rapida crescita del Nord America, che è anche un allenatore di football delle scuole superiori molto apprezzato. Molti di loro attribuiscono a numerosi mentori il merito di averli ispirati e guidati, e amano rimanere coinvolti in organizzazioni del settore come la National Association of Elevator Contractors e NAESA International. Sebbene 300 parole non siano sufficienti per onorare queste persone, riteniamo che questi profili forniscano una panoramica di ciò che li rende speciali.

Issam Abughali

Issam Abughali

Issam Abughali

Schindler

La gestione della catena di fornitura, delle esportazioni e dell'ingegneria di un'azienda non è un compito da poco nello scenario globale di oggi. Per Schindler Medio Oriente e Nord Africa (MENA) Direttore della catena di approvvigionamento, ingegneria ed esportazioni Issam Abughali, la gestione della catena di approvvigionamento (SCM) è una passione. "Sento che SCM è la spina dorsale di qualsiasi attività di successo", afferma, continuando:

“In Schindler, guidiamo attraverso i nostri valori fondamentali di sicurezza, qualità, codice di condotta e centralità del cliente. Questi valori fondamentali si adattano perfettamente ai miei valori personali e rendono il flusso di lavoro molto più gestibile".

Il laureato dell'Università americana del Cairo lavora in Schindler MENA da quasi 10 anni, ricoprendo ruoli di crescente responsabilità dal 2012, quando è entrato in azienda come direttore della supply chain. Un "orgoglioso palestinese" che vive a Dubai, Abughali ha ricoperto quella posizione per quasi sei anni, a quel punto la divisione export è passata sotto la sua competenza. Tre anni dopo, l'ingegneria sarebbe stata aggiunta al mix.
Ripensando ai successi di Abughali, mi viene in mente una parola: efficienza. Ha aperto la strada a un nuovo dipartimento SCM che ha portato a notevoli risparmi annuali su materiali e servizi locali attraverso "l'aggregazione della domanda e il miglioramento dei processi di approvvigionamento, nonché l'ampliamento del nostro database dei fornitori con particolare attenzione alla qualità, ai tempi di consegna e alle consegne puntuali". Per quanto riguarda le esportazioni, Abughali ha ampliato la portata di Schindler in Giordania, Iraq, Palestina e Libia. Raggiunge costantemente gli obiettivi di vendita implementando continui miglioramenti operativi.
Abughali condivide le sue conoscenze come relatore professionista alle fiere e afferma che, oltre a SCM, la "gestione delle persone" lo motiva.

Amy Di Paolo

Amy Di Paolo

Amy Di Paolo

Ascensore Campione

Amy DiPaolo, vicepresidente senior di Champion Elevator a Clinton, nel New Jersey, afferma di vedere ogni sfida come un modo per crescere, che è una risorsa nel difficile business del trasporto verticale, dove ogni giorno può essere diverso e pieno di imprevisti.

La carriera di DiPaolo nel settore degli ascensori è iniziata nel 1989 quando era un'adolescente e ha accettato un lavoro con Dover Elevator a Manhattan, New York. Da lì, è stata assunta come expeditor presso il Dipartimento degli edifici di New York City. Ha ricoperto una serie di titoli con varie aziende sin da quei primi giorni. Oggi, nel suo ruolo in Champion, è responsabile di tutti gli aspetti dell'operazione. Quando le è stato chiesto di nominare il suo aspetto preferito del suo lavoro, ha detto: “È una domanda difficile a cui rispondere. Ho sempre amato l'emozione della vendita, ma ricevo grandi soddisfazioni nel portare a termine progetti di qualità per i nostri clienti".

Uno di questi progetti ha avuto luogo quando DiPaolo lavorava per KONE. Lei disse:

“Durante quel periodo, ero la persona di riferimento per l'offerta delle Nazioni Unite, che prevedeva la modernizzazione degli ascensori e dell'escalation in tutto il complesso. Il mio ultimo giorno di lavoro presso KONE, mi è stato assegnato il progetto di modernizzazione. È stato un grande lavoro e un grande risultato di cui sono orgoglioso”.

DiPaolo ha avuto numerosi momenti di orgoglio e mentori durante la sua carriera. Considera Ed Defilippis, che ha incontrato alla Thyssenkrupp Elevator nel 1994, come il suo mentore più influente. "Mi ha insegnato l'aspetto sociale del settore e l'importanza della costruzione di relazioni", ha spiegato. “Sebbene sia il tuo sforzo personale a guidare il tuo successo, non puoi avere successo da solo. È importante essere umili e ricordarlo".

Chih Ming Lin

Chih Ming Lin

Chih Ming Lin

Oti Taiwan

Chih Ming Lin si è unito a Otis più di 25 anni fa dopo aver prestato servizio nazionale nell'esercito a Taiwan. Laureato in ingegneria elettrica, ha iniziato la sua carriera in Otis come ingegnere con il team operativo sul campo, responsabile dell'esame e della riparazione dei circuiti stampati. Ha poi lavorato come ingegnere di prova per nuove apparecchiature, ha maturato esperienza nella manutenzione e ha assunto un ruolo dirigenziale per le operazioni tecniche. Ora è sovrintendente della divisione Mass Rapid Transit (MRT).

Durante il suo periodo in questo ruolo, Lin ha partecipato a diversi progetti di metropolitana, tra cui le linee express dell'aeroporto, Xin-Yi Line, Circular Line e Songshan Line, dove ha ottenuto la sua prima esperienza di project management. "Questi progetti sono diventati parte dei miei ricordi di Otis e il team di trasporto fa parte della mia amata famiglia", ha detto Lin.

Il suo nominatore ha detto che a Lin piace lavorare per la compagnia metropolitana a causa del lavoro di squadra, aggiungendo:

“Crede sempre che quello che fa non sia solo muovere le persone alla lettera, ma anche far muovere le persone. Gli piace il miglioramento continuo dell'azienda per migliorare la vita. La metropolitana è lo strumento che la sua famiglia usa ogni giorno e sa che non c'è niente di più importante per Otis della sicurezza delle persone che si affidano ai nostri prodotti e servizi".

Lin attribuisce al suo mentore e amico, Huan-Pu (Paul) Tseng, il suo interesse per il trasporto verticale, così come la sua crescita personale e professionale. Lin ha detto:

“Mi piace che Otis ci tenga in movimento, dove posso continuare a sviluppare le mie competenze. Otis mi ha dato molte opportunità di avanzare per diverse rotazioni di lavoro. Dall'ingegneria alla gestione, ho imparato che l'aspetto più importante è mettere le persone al centro, per capire le sfide dai bisogni fondamentali. Per me, la responsabilità e un atteggiamento positivo verso il lavoro di squadra sono mentalità essenziali”.

Angelo Luna

Angelo Luna

Angelo Luna

Alimentazione elettrica Triumph

Crescere con un genitore single home nel Bronx, New York, con una madre che faceva due lavori per mantenere cinque figli, Angel Luna sapeva che il college non era un'opzione realistica per lui. Decise di entrare nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti subito dopo il liceo e, così facendo, disse di aver ricevuto "la migliore istruzione che il denaro possa comprare". Dopo il suo tour, ha lavorato per un'azienda di forniture elettriche che ha avviato una divisione di ascensori. Egli ha detto:

“Sono rimasto affascinato da tutti i diversi prodotti per ascensori ma, soprattutto, dalle persone del settore. Sono stato piacevolmente sorpreso di come tutti siano stati così cordiali e molto disponibili nell'insegnarmi come funzionano i prodotti e come tutto si combina. Sono stato subito catturato dal settore. Come potresti non esserlo?"

Ora, in qualità di presidente di Triumph Electrical Supply, che ha avviato nel 2019, ha più di 30 anni di esperienza alle spalle e ha affermato che una delle sue storie di successo preferite è ciò che Triumph è stata in grado di realizzare con i prodotti per ascensori Argus. Hanno preso un'azienda che era nuova nel settore e, ora, tre anni dopo, hanno venduto 8,000 unità e firmato un importante contratto OEM per soddisfare i requisiti nazionali di monitoraggio delle serrature.

Luna afferma che in Triumph credono nel fare affari in modo diverso, soprattutto come azienda gestita dal proprietario, e che questo ha aiutato l'azienda a crescere. Al momento di questa intervista, Triumph si stava trasferendo in una struttura di 25,000 piedi quadrati a Mineola, New York.

Il nominatore di Luna è d'accordo con questa valutazione di ciò che ha portato al successo di Luna: "Con il mix di Angel di arguzia, umiltà e comprensione di Angel e le esperienze da dove è cresciuto, non è un caso che i suoi clienti parlino bene sia di lui che di Triumph".

John Miles

John Miles

John Miles

Ascensore Delaware

A molte persone piace approdare come lavoratore in un settore frenetico e John Miles non è diverso. Sì, è un membro devoto dell'industria degli ascensori e, sì, ha iniziato da qualche altra parte. Ma ci sono due cose nel suo atteggiamento lavorativo che non cambierà: il suo amore per il lavoro e il suo amore per aiutare gli ascensori ad arrivare dove stanno andando. "Alla matura età di 15 anni, avevo svolto vari lavori che consistevano nella cura del prato nelle stagioni primaverili, estive e autunnali e nella riparazione di automobili a intermittenza durante tutto l'anno", ha ricordato. Gli è piaciuto così tanto che all'età di 16 anni ha avviato la sua attività di manutenzione del prato. Era un buon lavoro, ma all'età di 18 anni voleva qualcosa di diverso. In primo luogo, funzionava sull'asfalto, ma un amico della Delaware Elevator, Inc., ha detto a Miles delle opportunità che aspettavano lì. "Il consiglio del mio amico è stato preso sul serio e mi sono ritrovato seduto di fronte a un tavolo da un altro dipendente a lungo termine, Jeff Murdock, e un tizio di nome Charles 'Pete' Meeks, che in seguito ho scoperto essere il presidente dell'azienda". Fu in quel momento che Miles capì cosa voleva fare della sua vita. Iniziando a pulire i pavimenti, si è fatto strada, oggi dirigendo la sezione Gestione Assicurazione Qualità dell'azienda.

All'inizio della sua carriera nel settore, Miles lavorava come tecnico aiutando a modernizzare gli ascensori elettrici a trazione nel seminterrato ad Annapolis, nel Maryland. Più recentemente, è stato coinvolto nel lavoro su nuovi ascensori per il progetto Museum of the Bible a Washington, DC. Ci sono molte posizioni diverse nel settore dei trasporti verticali - vendite, progettazione, comunicazione - ma per Miles, la più interessante è l'installazione. "Le sfide quotidiane con la nuova e la vecchia tecnologia mantengono la tua mente acuta e le tue capacità raffinate, ha detto."

Janet Moore

Janet Moore

Janet Moore

Gruppo Syska Hennessy

Nel 1975, quando Janet Moore stava studiando per conseguire la laurea in ingegneria elettrica, una società di ascensori indipendente l'ha assunta per aiutarla a gestire nuovi progetti di costruzione e ammodernamento. Il suo studio del "codice di tutte le cose" iniziò e il suo interesse non svanì mai. In qualità di direttore del trasporto verticale (VT) del New England del Gruppo Syska Hennessy, la professionista con sede a Boston afferma che la consulenza è la sua passione attuale. Le piace approfondire i codici ed essere determinante in progetti VT di nuova costruzione e modernizzazione di successo. Gli architetti sono arrivati ​​a dipendere dalla sua reattività e accuratezza, che attribuisce alla certificazione QEI e all'utilizzo dell'istruzione offerta da NAESA International. Prima di entrare in Syska Hennessy, Moore ha guidato le vendite presso Schindler/Millar Elevator Co. Dice che la sua crescita in Syska Hennessy è stata facilitata da molti mentori, tra cui il compianto G. Gahr Finney e il precedente supervisore Fred Ilacqua. Durante i suoi 19 anni presso l'azienda, Moore ha fornito servizi di TV a molti clienti di fascia alta. La sua esperienza comprende progettazione VT, studi di viabilità e fattibilità, due diligence, analisi di budget e amministrazione dei lavori.

Alcuni progetti in cui è stata coinvolta sono stati particolarmente memorabili. Di uno, dice:

“Il progetto riguardava un importante ospedale di Boston per due ascensori per il trasporto dei pazienti senza ingranaggi DC simplex a uso critico. Gli ascensori dovevano essere trasferiti sopra. Le misurazioni sul campo richiedevano precisione per progettare correttamente la nuova sala macchine. Sono state installate nuove macchine gearless AC, oltre a un ammodernamento completo. Le imprese di coordinamento hanno richiesto tutti gli sforzi non solo di Syska Hennessy, ma anche dell'appaltatore di ascensori, dell'appaltatore generale e del proprietario. Nonostante le complessità, così come alcuni respiri profondi e mangiarsi le unghie, il progetto è stato completato con successo".

Ezhil Nanjappan

Ezhil Nanjappan

Ezhil Nanjappan

Otis

In qualità di chief technology officer di Otis, Ezhil Nanjappan svolge un ruolo chiave, come afferma il suo nominatore, "nell'utilizzo di tecnologie innovative per trasformare i modelli di business, i prodotti e i servizi esistenti". Nanjappan ha contribuito a sviluppare la piattaforma di servizi IoT Otis ONE™, nonché una suite di app mobili che raccolgono e condividono dati sulle prestazioni, aiutano nella diagnostica e velocizzano la consegna dei pezzi di ricambio. Come il fondatore dell'azienda Elisha Graves Otis, Nanjappan innova nel suo tempo libero. È titolare di 22 brevetti, tra i quali lo Smart Wedge (ELEVATOR WORLD, novembre 2018) — il semplice strumento meccanico utilizzato dai meccanici per proteggere le porte della cabina, ma con sensori e Bluetooth® che gli consentono di avviare un'app di sicurezza — e Smart Hardhat — che conferisce capacità simili all'umile elmetto protettivo. Con sede a Farmington, nel Connecticut, dove ha sede Otis, Nanjappan afferma di essere orgoglioso di far parte della "famiglia Otis", affermando:

“È una grande opportunità per aiutare a costruire città intelligenti e sostenibili con tecnologia verde e ascensori intelligenti. Migliorare la nostra tecnologia significa creare un valore migliore per i nostri clienti e azionisti. Dare potere ai dipendenti e dare priorità alla sicurezza fa parte della missione di Otis e la tecnologia gioca sicuramente un ruolo in questo”.

Nanjappan ha ideato il proprio acronimo Otis: Optimize, Transform, Innovate and Standardize, ed è questa la missione che intende continuare a perseguire in azienda, per la quale lavora dal 2012. Ha fatto molta strada dal villaggio di 300 capanne in India, dove la sua famiglia coltivava e ogni giorno camminava per tre miglia per andare a scuola. Ha visto il suo primo computer il secondo giorno di college e, al suo terzo anno di lavoro per una laurea in informatica e ingegneria, "sapeva [di] essere un vero e proprio esperto di reti informatiche".

Kelly Oberhardt

Kelly Oberhardt

Kelly Oberhardt

Ricambi KONE

Residente a East Moline, Illinois, dove lei e suo marito stanno allevando due figli piccoli, Kelly Oberhardt è diventata un'appassionata dell'industria dei trasporti verticali (VT) quando era un'adolescente. Ciò è avvenuto attraverso un programma di lavoro scolastico che l'ha collocata presso KONE Spares con sede a Moline. Nel 2003, ha iniziato a lavorare part-time lì come agente KC3, responsabile di ricevere le chiamate dei clienti, identificarli nel database KONE e collegarli con il reparto appropriato. Prima che Oberhardt conoscesse i numerosi professionisti di VT che l'avrebbero guidata, "all'inizio si trattava più di KONE e di rendersi conto di quante diverse opportunità erano disponibili". Dopo aver conseguito una laurea in economia presso la Western Illinois University, Oberhardt è rimasta con KONE Spares, facendosi strada da agente KC3 a coordinatrice di turno, rappresentante di vendita senior e, infine, responsabile delle vendite, posizione che ha ricoperto per più di sei anni. In tutto questo tempo si è distinta, dice il suo nominatore. "È diventata una delle persone più straordinarie, capaci e motivate di KONE", afferma. "È sempre positiva, sempre attenta al cliente e spinge sempre avanti il ​​settore".

Tra coloro con cui Oberhardt si sente fortunato ad aver lavorato durante i suoi 18 anni con KONE, ci sono Christine Julien, John Jaster, Wayne Dowty, Linda Thornbloom, Mary Lewis, Mario Jones e Mark Witkowski, ognuno dei quali la guida in una fase o nell'altra. Oberhardt ama interagire internamente con i colleghi KONE ed esternamente con i membri del settore VT alle convention e mentre collabora ai progetti. "Ho scoperto che il mio punto forte è lavorare con i team per risolvere le sfide, che si tratti di assemblare un team di vendita o facilitare la ricostruzione di una scala mobile", afferma. "Ogni settimana porta qualcosa di diverso, e questa è una delle cose più belle del settore: la varietà".

Veronica Querales

Veronica Querales

Veronica Querales

Industrie di ascensori Kohtler

"Amazing" è una parola che i nominatori usano per descrivere Veronica Querales, CEO di Kohtler Elevator Industries, Inc., con sede a Miami. Originaria di Porto Rico, Querales è la maggiore di quattro sorelle che sono membri attivi e appassionati dell'industria degli ascensori, tutte ispirate dal loro padre, scomparso nel 2012. A quel tempo, Querales non era sicuro se chiudere la sua attività di servizio di ascensori o continuare. "Ma poi qualcosa è scattato in me", dice, "e sono diventata determinata a mantenere vivo il sogno". Querales aveva lavorato nell'azienda di servizi di ascensori della sua famiglia sin dal liceo nei primi anni '1990. L'imprenditorialità non le è estranea: uno dei suoi ricordi d'infanzia più cari è l'avvio di un'attività con le sue sorelle che ha venduto più di 600 cupcakes in una sola estate.

Determinata a realizzare il sogno di suo padre di gestire un'azienda di produzione di ascensori a Miami, Querales ha lanciato il produttore di cabine, ingressi e porte per ascensori Kohtler nel 2008. A questo punto, aveva sia istruzione che esperienza, laureandosi in economia aziendale, contabilità e ingegneria elettrica presso il Politecnico di Porto Rico, nonché un MBA presso l'Università di Phoenix. Oggi fornisce una leadership strategica e facilita innovazioni costanti che aggiungono valore ai prodotti dell'azienda e rendono felici i clienti. Dice che una delle parti migliori dell'essere il capo di se stessa è poter trascorrere del tempo con suo marito e i loro due figli. Le sfide, dice, sono "opportunità che mi aiuteranno a crescere e ad imparare di più", elaborando:

“La lezione più grande che ho imparato è come affrontare le mie paure, essere grato e perseguire sempre i miei sogni. Ora so che posso ottenere qualsiasi cosa avendo un forte PERCHÉ?, avendo perseveranza perché rimuove le resistenze, educando me stesso e circondandomi delle persone giuste”.

Chuck Sharp

Chuck Sharp

Chuck Sharp

Ascensore DC

Chiunque abbia interesse per gli affari sa che alcuni lavoratori passano da un settore all'altro. I laureati a tutto tondo a volte trascorrono molto tempo a cambiare lavoro e persino carriera. Per alcuni aspetti, Chuck Sharp non è così diverso. Si è spostato parecchio prima di "diplomarsi alla scuola di tecnologia nel 1981 e lavorare per GE Fanuc". Ma, in poco tempo, "un amico andò a lavorare presso la fabbrica di Armor Elevator a Louisville, nel Kentucky, e mi fece salire". Questo era tutto. Sharp è stata immediatamente attratta dal settore dei trasporti verticali (VT).

Ha iniziato una carriera attraverso la quale i membri dell'equipaggio hanno imparato e oggi è presidente della DC Elevator a Lexington, nel Kentucky. Con oltre 30 anni di esperienza con l'azienda, Sharp l'ha trovata un ottimo posto per formare i lavoratori VT. Ma va oltre: Sharp crede nella profondità del lavoro con gli ascensori. “Il mio coinvolgimento con la NAEC (Associazione nazionale degli appaltatori di ascensori) come membro del comitato per l'istruzione e la sicurezza ha segnato oltre 17 anni, durante i quali abbiamo contribuito a far partire il programma CET®. Sono stato anche membro del consiglio della NAEC per tre anni”.

Le sue convinzioni provengono in parte dai fratelli Danny e Charlie Breaden, la coppia che ha lanciato DC Elevator nel 1977 e ha insegnato a molte persone l'attività di riparazione e installazione di ascensori. "Entrambi mi hanno insegnato il lavoro sul campo degli ascensori", osserva Sharp, qualcosa che ora condivide con i futuri professionisti della TV. Sharp potrebbe essere il capo dell'azienda oggi, ma in fondo dice che lo è "e sarà sempre un meccanico e regolatore di ascensori". Per quanto riguarda il lavoro di progetto, Sharp indica un particolare sforzo pratico in cui ha svolto un ruolo chiave: l'aggiornamento della disposizione di un ascensore a sei carrozze presso la Patterson Office Tower presso l'Università del Kentucky. Sebbene il progetto avesse una tempistica rigorosa, Sharp e la troupe l'hanno portato a termine. Questo vale per Sharp in ufficio o in cantiere.

Jeremy Snyder

Jeremy Snyder

Jeremy Snyder

Ascensore MADRE

Jeremy Snyder è stato uno dei primi dipendenti dell'allora Mainline Elevator (ora MAD Elevator) nel 1998, e ha iniziato dal basso, per così dire. Dopo poco tempo, si è occupato della costruzione e dell'installazione degli interni delle cabine, quindi della produzione di quadri di controllo e stazioni di ingresso. Dopo un po' si è dedicato al supporto tecnico, ai progetti personalizzati e alle installazioni e ora è il responsabile dei progetti speciali.

Un progetto speciale che Snyder deve affrontare ogni anno è la progettazione, la fabbricazione, l'assemblaggio e la consegna dello stand fieristico della National Association of Elevator Contractors (NAEC). Ha spedito il display per alcuni anni prima di iniziare a guidare effettivamente lo stand sul luogo, allestirlo, partecipare all'evento, riportare giù lo stand e poi riportarlo in Ontario, Canada, per essere rimesso nella struttura MAD. "È un lavoro duro e impegnativo da svolgere, ma niente mi dà un senso di successo migliore che - l'ultimo giorno dello spettacolo - conoscere tutto lo stress, il dolore (probabilmente un po' di sangue e lacrime) e l'esaurimento che è andato in ne è valsa la pena mettere su un altro spettacolo perfetto", ha detto Snyder.

Il nominatore di Snyder ha detto di essersi imbattuto in Snyder quando Snyder stava lavorando come risolutore di problemi sul campo di MAD lungo la linea di prodotti, ed è rimasto colpito dal fatto che "non c'è nulla nel nostro settore che Jeremy non possa risolvere, correggere, migliorare o trovare un processo migliore per il suo funzionamento. " Ha aggiunto che Snyder è un "esperto innovatore" ed è stato in prima linea nello sviluppo del sensore touchless PHANTOM, delle soluzioni di pulsanti senza contatto Wave e del software di gestione MosaicONE.
Nel descrivere la sua longevità con MAD, Snyder ha accreditato Steve Reich-Rohrwig, presidente e CEO di MAD, e la famiglia Strychaluk, Alex, Carl ed Eric, per averlo spinto a crescere, dandogli lo spazio per provare cose nuove e sperimentare e per aver aiutato diventa quello che è oggi.

William "Bill" Snyder

William "Bill" Snyder

William "Bill" Snyder

Esperti di ascensori Liberty

Negli anni '1980, William "Bill" Snyder, che lavorava con il Naval Facilities Engineering Command e aveva esperienza in sistemi di controllo meccanici, elettrici, idraulici e pneumatici come tecnico di ingegneria, ricevette una pila di cartelle e libri da "ripassare" da la mattina successiva, quando ha accettato di assumere il programma di apparecchiature per il trasporto verticale (VTE) alla base. Dopodiché, il lavoro "è rimasto una parte di me" e ha continuato in ruoli simili. Si è ritirato da NAVAIR nel 2004 e ha aperto la società di consulenza VTE Solution nel 2012. Questa si è rivelata un discreto successo ed è stata venduta nel 2019 a Liberty Elevator Experts, per la quale svolge ancora alcune consulenze e alcune ispezioni all'anno.

Un'altra parte importante della vita e della carriera di Snyder è il suo lavoro con NAESA International. È stato istruttore per più di 20 anni, nel consiglio di amministrazione/comitato esecutivo per 17 anni ed è past president. Nel 2011 è diventato presidente della Regione Est ed è stato recentemente premiato con un premio per la sua leadership in questo ruolo.

“Bill è uno dei più grandi amici del nostro settore e un sostenitore a vita. Ha ottenuto più risultati nella sua vita di quanto molti avrebbero potuto in due", ha affermato Chris Dodds, presidente di Liberty Elevator Experts e presidente del Comitato Esecutivo della NAESA, che ha nominato Snyder.

Snyder ha detto che l'insegnamento è la parte del suo lavoro che ama di più e cerca di lasciare ai suoi studenti questa idea:

“Questo settore è molto piccolo. Per quanto grande possa essere il mondo, in questo settore ci conosciamo tutti. La mia filosofia è che possiamo essere concorrenti, ma dobbiamo anche essere colleghi, in modo da prenderci cura l'uno dell'altro e proteggerci a vicenda".

Mike Strachan

Mike Strachan

Mike Strachan

Elevatore a 3 fasi

Descritto come un leader visionario e laborioso con un talento per realizzare l'apparentemente impossibile, inclusa la crescente 3Phase Elevator Corp. con sede a Canton, Massachusetts, da piccolo attore regionale a una delle più grandi società indipendenti di servizi di ascensori negli Stati Uniti, il CEO di 3Phase Mike Strachan è niente se non notevole. Dopo una carriera di successo con le major, inclusa la gestione della regione di New York di TK Elevator attraverso l'installazione di trasporto verticale (VT) presso il One World Trade Center, Strachan ha assunto la gestione di 3Phase, orchestrando una partnership di private equity con Berkshire Partners che successivamente ha facilitato l'acquisizione di 14 società di ascensori indipendenti negli ultimi tre anni, fondando a sua volta la più grande azienda sindacale indipendente di ascensori negli Stati Uniti Sotto la guida di Strachan, 3Phase continua a stringere partnership ed espandersi in tutto il paese. La leadership di Strachan è temperata dalla gentilezza e dalla premura, affermano numerosi nominatori. "Mike potrebbe essere l'amministratore delegato dell'azienda", dice uno, "ma quando sei in sua presenza ti fa sempre sentire come se fossi uguale".

Strachan afferma di aver avuto la fortuna di lavorare con "così tante persone fantastiche" nel corso degli anni, descrivendo il team di 3Phase come "il migliore con cui abbia mai lavorato".

Prima di ricoprire il ruolo di CEO di 3Phase, Strachan ha presieduto i Dynamic Consulting Services per quasi otto anni. È anche un allenatore di football molto apprezzato, assumendo la posizione presso la sua alma mater, la North Attleborough High School, ad aprile. Per diversi anni è stato allenatore capo degli Stockholm Mean Machines, guidando la squadra professionistica svedese al suo primo campionato nazionale in assoluto. L'uomo dell'ascensore di terza generazione porta questa stessa determinazione a vincere nella sua carriera nel settore della TV, affermando: "Spero di vedere 3Phase come la più grande azienda indipendente di ascensori del Nord America in 10 anni".

Ellie Webb

Ellie Webb

Ellie Webb

Ascensore Delaware

Charles "Pete" Meeks, presidente e proprietario di Delaware Elevator, afferma che quando Ellie Webb ha iniziato con l'azienda nel 2003 come nuovo manager delle risorse umane (HR), l'azienda operava con meno di 200 dipendenti ed "è stata una chiave membro del team nella nostra crescita” agli ora quasi 500 dipendenti, sei filiali e due stabilimenti di produzione. "Gestisce tutto con grazia e guida un team di cinque professionisti delle risorse umane", ha affermato Meeks. "Ha abbracciato il settore con grinta e passione."

Webb afferma di essere entrata a far parte del Delaware Elevator "per costruire una piattaforma che copre tutte le aree dello spettro delle risorse umane, dal reclutamento alla gestione delle prestazioni, alla conformità, all'attività legale e a una moltitudine di attività non correlate alle risorse umane, il che mi ha aiutato a imparare gli 'alti e bassi' di il settore ancora di più”.

Alla domanda sulla sua parte preferita del settore, ha detto che apprezza tutti gli aspetti delle operazioni, ma ha più esperienza nell'installazione, poiché questa è la divisione più grande ed esigente del Delaware Elevator. "L'installazione riunisce molte fasi del progetto e mi tiene impegnato e al passo con le tendenze del settore".
Webb funge anche da responsabile della sicurezza delle strutture (FSO) del Delaware Elevator, detenendo il nulla osta di sicurezza Top Secret e supervisionando le operazioni di sicurezza per progetti di sicurezza nazionali e internazionali. È attiva con Elevator Contractors Council (ECC), ospitato dall'Associated Builders and Contractors (ABC) Metro Chapter e fa parte del consiglio di amministrazione di ABC Chesapeake Shores per il terzo mandato. Di recente ha acquisito una certificazione di consulenza sulle risorse umane per essere in grado di fornire sessioni di formazione di volontari su argomenti di business e risorse umane per ABC, National Association of Elevator Contractors (NAEC) e altri istituti commerciali locali.

Sponsored
Sponsored